• Il progetto dell’orchestra


Nell'a.s. 2008 – 2009, la prof.ssa Cesaria Citta,  docente di Storia della Musica  presso  il Liceo,  il prof. Rodolfo Passuello, docente di Educazione Musicale presso la scuola secondaria di I grado,  il maestro Fabrice De Donatis, consulente madrelingua  francese presso il Liceo e professore d’orchestra, hanno elaborato il progetto “Prove d’orchestra”,  con il preciso intento di contribuire allo sviluppo formativo, non addestrativo degli studenti e di ampliare e direzionare in senso musicale specifico il bagaglio culturale dei partecipanti.  Inoltre   ci si è proposti di  sviluppare fattori fondamentali del processo cognitivo ed espressivo  e attitudini creative, applicando  così uno dei fattori  chiave del processo di maturazione sociale, ovvero la formula collettiva di lavoro, sviluppando le attitudini di ascolto attivo, l’attenzione selettiva,  la concentrazione prolungata e la memorizzazione a lungo termine.

Il progetto è stato elaborato in un istituto onnicomprensivo, in cui sono presenti tre ordini di scuola (primaria, secondaria di primo e secondo grado), in cui si  avvertiva fortemente l’esigenza di  creare un “laboratorio musicale”, nel quale tutte le competenze specifiche degli insegnanti di musica fossero messe “al servizio” di un progetto comune, utile per la crescita cognitiva, comunicativa, affettiva, creativa e, in ultima analisi, estetica di bambini, preadolescenti, adolescenti, giovani.  In parallelo, si sono avviate attività vocali e strumentali, per portare sia alla conoscenza specifica del linguaggio musicale, sia all’uso dell’elemento sonoro come strumento di comunicazione del “sé”. Bambini, adolescenti, giovani  usano inoltre  il linguaggio musicale per superare il proprio individualismo, partecipando ad esperienze vocali (coro) e strumentali (orchestra) in cui tutti si percepiscono come elementi unici in quanto parti integranti di un’entità multipla e in cui tutti si esprimono in modo significativo per il raggiungimento di obiettivi comuni. Ciò permette di  superare il  tradizionale binomio lezione strumentale-lezione teorica (ancor oggi applicato nelle scuole a indirizzo musicale e/o conservatori); di offrire a tutti alcuni mezzi espressivi adeguati alla loro età, creando un clima positivo di collaborazione e di scambio comunicativo e di apprendere la lettura/scrittura musicale e gli elementi grammaticali e sintattici non come oggetto di studio teorico, ma inseriti nel contesto della produzione e dell’esecuzione di eventi musicali compiuti.  In ultimo, si rafforza lo spirito di collaborazione complessiva fra i tre ordini di scuola e si coinvolgono attivamente  tutti i soggetti della scuola, inclusi i docenti e  i genitori.

ORCHESTRA della

SCUOLA INTERNAZIONALE EUROPEA A.SPINELLI

S

  • L’orchestra

 

E’ composta da circa quaranta studenti dei tre ordini di scuola,  nonché dagli insegnanti della scuola che si dilettano di musica.  L’orchestra realizza perfettamente quella progettualità  verticalizzata e trasversale che da sempre ha ispirato il modello stesso della scuola.  Oltre a questa peculiarità, va ricordato che si tratta di un’orchestra sinfonica, con una nutrita sezione degli archi, fatto inusuale  per un’orchestra di scuola.  Vi sono inoltre flauti dritti di tutti i registri, flauti traversi, clarinetti, qualche ottone; molte percussioni intonate  e non (metallofoni, xilofoni e glockenspiel; tamburi, batteria, timpani…); pianoforti; chitarre.

 

  • “Vita da orchestra”

 

I giovani “professori d’orchestra” provano  in fasce orarie extrascolastiche, generalmente il lunedì pomeriggio.  All’impegno delle prove si aggiunge lo  studio a casa che in prossimità delle esibizioni in pubblico diventa particolarmente impegnativo.

I  due “direttori”,  oltre ad effettuare le prove per sezioni e con l’intera orchestra, spesso devono preparare le parti dei singoli strumenti,  data l’inadeguatezza  del materiale in commercio o le capacità  esecutive dei ragazzi, alle quali le parti vanno adattate.

 

  • L’orchestra “in Europa”

 

Le caratteristiche innovative e multiculturali del progetto della Scuola  e l’aver attivato tutta una serie di iniziative specifiche,   che ci pongono in costante collaborazione con scuole ed enti stranieri (per esempio, l’adesione alla sperimentazione ESABAC;  le opzioni internazionali cinese e tedesca;  gli  scambi e i soggiorni all’estero, … ),  hanno dato un maggior impulso alla costituzione dell’orchestra. In tutta Europa la pratica musicale, insieme  a tutti i linguaggi espressivi, è infatti considerata un potente mezzo per lo sviluppo psico-fisico e culturale dello studente:   in quasi tutte le scuole sono presenti formazioni di musica d’insieme.

 

  • L’orchestra “in tournée”

 

L’orchestra si esibisce regolarmente due volte l’anno in occasione del concerto di Natale e per il saggio di  fine anno scolastico.  Ha suonato poi   in occasione di un convegno svoltosi presso l’ospedale S. Giovanni Battista di Torino;  per due volte la nostra orchestra ha accompagnato l’esibizione del

cantautore Pippo Pollina in  diverse date del suo tour italiano (l’ultima delle quali presso il Conservatorio di Torino); al  Salone Internazionale  del Libro di Torino in occasione del convegno sul “Libro bianco” dei giovani organizzato dal Lions Club International.

Ha partecipato a varie occasioni organizzate dalla VIII circoscrizione e durante gli eventi organizzati dalla scuola.

 

S

  • I docenti

 

Cesarea  Citta  è diplomata in pianoforte ed  ha effettuato studi di Composizione; ha inoltre studiato Fenomenologia della musica con Sergiu Celibidache.  Insegna nella sezione Liceo e ha una lunga esperienza come docente di pianoforte.

Rodolfo Passuello  è diplomato in fagotto e insegna nella sezione Media;  ha una lunga esperienza didattica di musica d’insieme con prevalenza di fiati e chitarre.

 

ULTIMI EVENTI

 

S

ecco alcune foto realizzate in occasione del concerto

del 29 ottobre 2009- teatro Officine Caos - in cui

l'Orchestra ha accompagnato il cantautore Pippo Pollina